Umidificazione, Deumidificazione
e Raffrescamento Evaporativo

Lo dimostra una nuova ricerca dell'Università di Yale:
"Un livello di umidità troppo basso (<40% UR) indebolisce la resistenza alle infezioni (influenzali)"

Studi precedenti hanno già dimostrato come un'umidità troppo bassa indebolisca notevolmente le mucose delle nostre vie aeree. Ma le nuove ricerche dell'Università di Yale dimostrano anche che un livello insufficiente di umidità dell'aria:

  • Blocca il nostro sistema immunitario innato,
  • Causa un aumento dei danni cellulari nelle vie respiratorie, e
  • Ostacola i successivi processi di guarigione.

Le nuove conclusioni hanno fatto scalpore nel campo della ricerca sul funzionamento del nostro sistema immunitario e di recupero. È ora stato accertato che un'umidità troppo bassa ha un impatto negativo su tutto il decorso dell'influenza, dal momento dell'infezione fino alla guarigione.

I ricercatori dell'università di Yale Eriko Kudo, Eric Song, Laura Yockey, Tasfia Rakib, Patrick Wong e Robert Homer sono giunti a questa conclusione sotto la direzione del Dott. Akiko Iwasaki del dipartimento di immunologia. I risultati della loro ricerca sono stati resi noti sulla prestigiosa rivista americana PNAS, pubblicata dalla National Academy of Sciences. La ricerca è stata accolta con grande interesse dagli scienziati, dai medici e dalla stampa mondiale.

La ricerca dimostra che un'umidità insufficiente negli edifici (<40% UR) aumenta la nostra suscettibilità al virus dell'influenza e aggrava l'intero decorso di questa malattia infettiva.

La ricerca è stata condotta su topi da laboratorio geneticamente modificati, che mostrano un decorso della malattia paragonabile a quello dell'uomo dal punto di vista immunologico. Gli effetti dell'umidità sono stati studiati mantenendo i topi prima degli esperimenti per cinque o sette giorni in una camera climatica nella quale venivano poi reintrodotti dopo l'infezione. Con temperatura ambiente sempre invariata a 20°C, l'umidità relativa (UR) è stata mantenuta costante a un livello basso, pari al 10%, oppure medio, pari al 50%, per simulare le diverse condizioni di umidità nei nostri edifici. Non sono stati posti vincoli di accesso all'acqua e al cibo.

Il virus dell'influenza è stato trasmesso in cinque dei sei esperimenti per inalazione di goccioline infettive. È stato utilizzato un virus influenzale del Gruppo A denominato "Porto Rico/8 (PR8)". Le tre linee di difesa del nostro corpo contro le infezioni delle vie respiratorie sono la barriera mucosa, il sistema immunitario innato e quello adattativo. Ciò vale sia per la trasmissione per contatto sia per la trasmissione attraverso l'inalazione di goccioline. L'influenza dell'umidità su questi tre meccanismi di protezione è stata studiata in sei esperimenti.

Ogni infezione influenzale inizia con i virus che cercano di rompere la barriera delle mucose del naso e delle vie respiratorie e di infettare le cellule epiteliali sottostanti. Nel frattempo, il muco si sposta in modo permanente verso la laringe a causa del movimento dei peli vibranti del naso e dei bronchi. Quindi i virus sono in corsa contro il tempo. Se entrano nella laringe con la membrana mucosa prima di poter penetrare in una cellula epiteliale, vengono inghiottiti o espettorati con un colpo di tosse prima di poter causare un'infezione.

Il team del Dr. Ing. Iwasaki ha dimostrato che in condizioni di bassa umidità le cilia (i peli vibranti) si muovono più lentamente e in modo più scoordinato e anche lo strato di muco si muove più lentamente. Questo aumenta la possibilità che i virus dell'influenza penetrino nel muco e riescano a causare l'influenza. Mediante un esame microscopico con luce riflessa dalla mucosa tracheale, il trasporto più lento delle particelle può essere chiaramente visualizzato. Le microparticelle, che appaiono come fluorescenti in diversi colori, rendono visibili sullo schermo i movimenti dello strato di muco e dei peli vibranti.

La seconda linea di difesa contro le infezioni, il sistema immunitario innato, si basa sulla capacità dei globuli bianchi di riconoscere le sostanze estranee e i microbi come oggetti "estranei" e "pericolosi". I virus che vengono rilevati come minaccia possono essere resi innocui da queste cellule. Allo stesso tempo esse rilasciano il "messaggero-interferone", che attiva i geni che regolano il rilascio delle proteine antivirali. L'esperimento dimostra che con il 50% di umidità il sistema immunitario innato interviene efficacemente, i virus vengono rapidamente eliminati e solo poche cellule epiteliali vengono colpite. L'infezione può essere fermata senza che il sistema immunitario acquisito debba intervenire. Invece dopo una permanenza di cinque giorni al 10% di UR, il sistema immunitario innato non può più essere attivato. Si verificano più danni al tessuto polmonare e il ricambio delle cellule per divisione cellulare è più lento di quanto non sia con aria ben umidificata.

Il fatto che la nostra immunità innata diventi inefficace quando l'umidità dell'aria è troppo bassa è una scoperta che gli immunologi considerano inattesa e sensazionale. Ciò potrebbe avere una grande importanza per tutti noi.

Nell'ultimo esperimento questi risultati sono stati documentati al livello dei tipi di cellule. In questo esperimento l'infezione è stata causata mediante infusione nasale per dimostrare che i risultati della ricerca sono indipendenti dal metodo di trasmissione del virus dell'influenza. Nei due gruppi, rispettivamente sottoposti al 10% e al 50% UR, è stato eseguito un confronto tra la distribuzione di ventidue diversi tipi di cellule di tessuto polmonare il secondo giorno dopo l'infezione. In entrambi i gruppi sono stati riscontrati cambiamenti nella divisione cellulare, indicanti la presenza di una difesa cellulare attiva e autonoma. Tuttavia i geni antivirali attivi stimolati dall'interferone sono stati trovati nelle cellule infettate da virus e prive di virus solo all'interno del gruppo mantenuto in condizioni di 50% UR, e non nel gruppo al 10%. Ciò significa che la bassa umidità blocca l'attivazione del sistema immunitario innato ed è responsabile della proliferazione e della diffusione senza ostacoli dei virus influenzali nel tessuto polmonare e dei danni che ne derivano.

L'inalazione di aria umida al 50% permette l'azione indisturbata delle prime due linee di difesa delle vie respiratorie fornite dalla natura e previene l'influenza grave. Con il 50% di umidità, l'infezione può essere superata senza attivare la terza linea di difesa, ossia il sistema immunitario acquisito. Non è chiaro perché la funzione protettiva del sistema immunitario innato non possa essere attivata dopo aver respirato aria secca per alcuni giorni. Sembra che la capacità di riconoscimento e differenziazione dei tipi "pericoloso - non pericoloso" e "endogeno - estraneo" sia disturbata. Poiché la bassa umidità disturba la rimozione delle particelle inalate, la causa può essere uno scompenso del processo di rilevazione dovuto al sovraccarico conseguente alla penetrazione di un numero eccessivo di particelle.

I risultati dello studio forniscono una buona spiegazione per l'insorgenza di epidemie influenzali nei climi temperati. Infatti l'umidità relativa dei nostri ambienti riscaldati e raffreddati è spesso ridotta a livelli compresi tra il 10 e il 30% UR, soprattutto negli edifici efficienti dal punto di vista energetico, a tenuta d'aria e con ventilazione meccanica.

L'articolo conclude che l'incremento dell'umidità può essere una strategia utile per ridurre il rischio di influenza, alleviare i sintomi e accelerare la guarigione.

Riferimento:
"Low ambient humidity impairs barrier function and innate resistance against influenza infection", Eriko Kudo, Eric Song, Laura Yockey, Tasfia Rakib, Patrick Wong, Robert Homer, Akiko Iwasaki.

Lo studio dell'Università di Yale pubblicato dalla National Academy of Sciences dimostra che in condizioni di bassa umidità (<40% UR) si verificano i seguenti fenomeni:
  • Un aumento del rischio di influenza, di progressione della malattia e un impatto negativo sulla guarigione.
  • Il sistema immunitario del corpo si blocca e ostacola il processo di recupero, permettendo ai virus dell'influenza nei polmoni di moltiplicarsi facilmente. 
  • I virus dell'influenza trasportati dall'aria possono sopravvivere più a lungo.
  • I virus inalati possono infettarci più facilmente perché non vengono rimossi abbastanza rapidamente dai nostri peli vibranti e del movimento del muco.




Altre notizie...