Umidificazione, Deumidificazione
e Raffrescamento Evaporativo

I soggetti allergici al polline e agli acari possono tirare un sospiro di sollievo: la giusta umidità li aiuta tutti!

La polvere di casa è la principale causa di allergie in tutto il mondo. Chiunque sia allergico alla polvere domestica reagisce alle componenti dell'acaro o agli allergeni animali con disturbi come starnuti, irritazione degli occhi o asma. Insieme a persone che soffrono di allergia ai pollini, queste persone manifestano sintomi quando sono esposte a sostanze che fluttuano nell'aria e provocano allergie, note come allergeni.

Le persone allergiche ai pollini sanno cosa allevia i loro sintomi: la pioggia, l'aria umida e l'assenza di vento. I malati di allergia alla polvere domestica avvertono i sintomi durante il periodo caldo secco. Gli esperti li consigliano: prestate attenzione all'umidità: il 30 o il 40 percento è meglio del 50 percento! Ma è vero?

Logicamente, solo la percentuale di polvere domestica presente nell'aria è responsabile disturbi e malattie. Tale percentuale non è costante: Un anno fa è uscito per la prima volta uno studio nel quale è stata misurata la quantità di allergeni da acari effettivamente inalate da 10 persone nel corso delle loro normali attività sulle 24 ore [1]. La ricerca mostra che la quantità inalata dipende principalmente dalle attività personali che portano alla turbolenza della polvere. Quando l'attività è bassa (durante il sonno), la quantità di allergeni dell'acaro inalata è ridotta al minimo. Tra le persone che si dedicano al movimento e all'attività fisica, la concentrazione di allergeni nell'aria che respirano aumenta di oltre un migliaio di volte!

La turbolenza della polvere è un aspetto importante per il suo impatto e quindi per i disturbi e i quadri clinici. Qualche settimana fa è stato pubblicato uno studio che ha dimostrato come la turbolenza dei componenti dell'acaro da un pavimento di linoleum diminuisca stabilmente di circa 100 volte quando l'umidità viene aumentata dal 10% al 40% e all'80% [2]. Ciò corrisponde alla nostra esperienza quotidiana e spiega perché la secchezza aggrava i sintomi allergici.

Le brochure raccomandano di mantenere l'umidità del proprio appartamento al di sotto del limite massimo del 50 percento. Alcune raccomandazioni specificano un limite inferiore tra il 35 e 40 percento. Spesso non si dice che durante i tre quarti dell'anno nelle nostre case questo limite superiore viene superato. Né si afferma che nella stragrande maggioranza degli edifici (quelli vecchi, ma ancor più quelli nuovi) il limite inferiore è significativamente ridotto durante i mesi invernali. Valori medi mensili del 20 percento sono diventati normali [3]. Poiché questa pronunciata asciuttezza facilita la turbolenza della polvere domestica, ciò porta ad un aumento dei disturbi allergici durante l'inverno [2, 4].

L'umidità dell'aria riveste un importante ruolo nel grado di turbolenza della polvere. Gli esperimenti dimostrano che l'adesione della polvere "umidificata" alle superfici lisce aumenta drasticamente sopra al 30 e fino al 40 percento. In questa gamma di umidità anche il peso delle particelle di polvere aumenta drasticamente a causa della condensazione dell'acqua. Esse quindi si aggregano, formano grappoli e ricadono rapidamente a terra. Al di là di questo, i rischi di problemi di muffa aumentano con livelli di umidità superiori al 60%. L'intervallo di umidità ottimale per minimizzare i sintomi di allergia è quindi tra il 40 e il 60 percento. Le persone con allergie devono controllare l'umidità in inverno usando un igrometro.  

Misurare accuratamente la proporzione di allergeni che raggiungono le nostre vie aeree attraverso l'aria dell'ambiente è complicato e costoso [1]. L'unico strumento di misurazione che è permanentemente disponibile per la misurazione in tempo reale dell'impatto sono le mucose del naso, delle vie aeree e degli occhi. Fidati di questa sensazione, assumiti la responsabilità di te stesso e decidi cosa va bene e cosa non ti aiuta!

  • D'inverno, se l'igrometro visualizza ripetutamente valori inferiori al 40%, è consigliabile umidificare. Rimarrai stupito dal notevole sollievo che questo comporta! La turbolenza della polvere domestica sarà ridotta e al tempo stesso l'umidità aiuterà il naso a filtrare l'aria e a ripulire le vie respiratorie.

  • Respira con il naso e prenditi cura del tuo naso! Il naso è al tempo stesso un sistema di filtraggio per la polvere domestica e un umidificatore dell'aria per le vie respiratorie inferiori. Più della metà della polvere domestica che viene inalata attraverso il naso si deposita sulla mucosa umida. Se il naso non è secco, la polvere può essere espulsa soffiandosi il naso, mediante la deglutizione o tossendo. Se non riesci a soffiarti il ​​naso una o due volte al giorno, probabilmente è troppo secco e devi inumidirlo. La respirazione boccale consente a molta più polvere di raggiungere i nostri polmoni. 

  • Tuttavia anche la polvere che raggiunge le vie aeree più profonde può essere rimossa grazie al sistema di autopulizia dei bronchi. Il processo di rimozione attraverso la tosse e la deglutizione si basa su un tappeto di muco che si muove verso la laringe. Le persone con respirazione orale e allergie sono particolarmente sensibili alla disidratazione della mucosa e beneficiano doppiamente dell'umidificazione [5].

  • L'importanza e l'efficacia della pulizia delle superfici con acqua non possono essere sottolineate abbastanza. Per i pavimenti e i mobili scegli una superficie liscia facile da pulire mediante la bagnatura. La pulizia include anche il regolare ricambio e lavaggio della biancheria del letto!

  • Tutti sottovalutiamo il fattore di turbolenza della polvere, perché è completamente invisibile! Movimenti potenti e improvvisi, l'apertura e la chiusura di porte, il cambio di vestiti e soprattutto la pulizia (aspirapolvere, rifacimento di letti) provocano il rilascio di nuvole di polvere invisibili, che possono essere solo parzialmente evitate. Pertanto, le attività di pulizia devono essere delegati o eseguiti poco prima di lasciare la stanza o l'appartamento. Usa aspirapolvere con filtri HEPA ad alta efficienza!

  • Il migliore strumento di misurazione in tempo reale degli allergeni nell'aria è il modo in cui rispondono i tuoi occhi, il tuo naso e i tuoi bronchi. Fidati di loro, sono loro a dirti cosa funziona!

[1] Tovey ER  et al, Tijdgestuurde meting van de persoonlijke mijt Allergenen Bioaerosol Blootstelling over een periode van 24 uur, [Misurazione temporizzata dell'esposizione personale al bioaerosol di allergeni dell'acaro su un periodo di 24 ore],

                   PLoS ONE, 2016

[2] Salimifarad P et al, Resuspensie van biologische deeltjes uit binnenoppervlakken: effecten van vocht en lucht werveling, [Ritorno in sospensione delle particelle biologiche dalle superfici degli interni: effetti dell'umidità e della turbolenza dell'aria], Science of the Total Environment 583 (2017) 241–247

[3] Quinn A, Shaman J, Binnentemperatuur en -vochtigheid in New York City-appartementen in de winter [Temperatura interna e umidità negli appartamenti di New York City in inverno], Science of the Total Environment 583 (2017) 29–35

[4] Tian Y  et al, Een vergelijkende studie van door wandelen geïnduceerde resuspensie van stof met behulp van een consistent testmechanisme [Uno studio comparativo sulla risospensione della polvere indotta dalla camminata con un meccanismo di prova coerente], Indoor Air 2014

[5] Naclerio RM, Waarnemingen van het vermogen van de neus om geïnspireerde lucht te verwarmen en te bevochtigen [Osservazioni sulla capacità del naso di riscaldare e umidificare l'aria ispirata], Rhinology, 45, 2007

Contattaci

Argomenti rilevanti: