Umidificazione, Deumidificazione
e Raffrescamento Evaporativo

Un recente studio condotto negli Stati Uniti dall'Istituto Nazionale per la Sicurezza e la Salute sul Lavoro (NIOSH) ha dimostrato che la diffusione del virus dell'influenza nell'aria si riduce significativamente quando si mantengono livelli di umidità pari o superiori al 40%.

Per testare l'effetto dell'umidità sul virus dell'influenza, sono stati "tossiti" degli aerosol contenenti il virus dell'influenza in una stanza con livelli di umidità relativa dal 7 al 73%, per mezzo di un manichino meccanico, mentre veniva misurata l'inalazione degli stessi da parte di un manichino respiratorio nella stessa stanza.

L'aria inalata dal manichino respiratorio ha mostrato che con un'umidità relativa inferiore o uguale al 23%, il virus dell'influenza nell'aria aveva un'infettività del 71-77%, mentre con umidità relativa uguale o superiore al 43% l'infettività scendeva al di sotto del 15-22%. Lo studio ha dimostrato che in presenza di una maggiore umidità la disattivazione del virus si è verificata subito dopo la "tosse" e il declino più rapido si è verificato nei primi 15 minuti.

Una conclusione è stata che il mantenimento di un'umidità relativa del 40% nei locali riduce significativamente la contagiosità di un virus dell'influenza trasportato dall'aria.

Si stima che in Gran Bretagna si perdano più di 7,6 milioni di giorni lavorativi a causa di malattie influenzali. Questo costa all'economia britannica circa 1,35 miliardi di sterline all'anno. La maggior parte degli esperti suppone che la malattia si diffonda a causa delle minuscole gocce che si formano quando le persone infette tossiscono o starnutiscono. Queste goccioline possono rimanere nell'aria per diverse ore.

"Questo studio dimostra come un'adeguata umidità dell'aria sul posto di lavoro può contribuire in modo significativo a ridurre le assenze, soprattutto in presenza di un rischio di virus aerei elevato, come negli ospedali e nelle sale operatorie", ha detto Tim Scott, direttore vendite di Condair plc. nel Regno Unito.

"Mentre molti enti professionali, tra cui BSRIA, CIBSE e HSE, raccomandano concordemente di mantenere l'umidità relativa interna al di sopra del 40%, non è raro imbattersi in umidificatori spenti al fine di risparmiare sui costi energetici. Per i dipendenti l'umidità insufficiente nell'aria è meno evidente rispetto ad una bassa temperatura degli ambienti e di solito non viene neppure notata. Tuttavia, i costi reali dovuti al mancato mantenimento dell'umidità interna sono la cattiva salute dei dipendenti e l'aumento delle assenze per malattia. Tali costi possono essere molto più elevati dei costi operativi dei sistemi di umidificazione dell'edificio", conclude Tim.

Il National Institute for Occupational Safety and Health (NIOSH) è l'agenzia federale degli Stati Uniti responsabile della ricerca e delle raccomandazioni per la prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali, e fa parte dei Centers for Disease Control (CDC) del Dipartimento della Salute degli Stati Uniti.

Argomenti rilevanti: