Umidificazione, Deumidificazione
e Raffrescamento Evaporativo

Il sistema immunitario è il sistema biologico di immunizzazione che protegge il corpo da microrganismi patogeni come virus, batteri e funghi, polveri sottili e altre sostanze aggressive.

Il sistema immunitario è il sistema biologico di immunizzazione che protegge il corpo da microrganismi patogeni come virus, batteri e funghi, polveri sottili e altre sostanze aggressive. La prima linea di difesa sono le barriere meccaniche della pelle e delle mucose delle vie aeree. Le vie respiratorie con le loro mucose proteggono il corpo rimuovendo gli agenti patogeni il più rapidamente possibile usando il muco adesivo cui essi si attaccano e trasportandolo verso la laringe come un nastro trasportatore. Il muco e le ciglia fanno parte di un avanzato meccanismo di autopulizia. Le ciglia si muovono avanti e indietro, come l'erba nel vento. Questo movimento trasporta il muco e tutti i corpi estranei indesiderati verso la laringe, dove possono essere tossiti o ingeriti dopo aver schiarito la gola. Nello stomaco essi vengono distrutti dagli acidi digestivi.

Se l'aria è troppo secca, la secrezione diventa troppo vischiosa e ostacola il movimento delle ciglia. Con un buon contenuto di umidità nell'aria e membrane mucose correttamente funzionanti, i patogeni possono essere rimossi dalle vie aeree grazie alle mucose e resi innocui entro un tempo che va dai 5 ai 30 minuti. Più a lungo essi rimangono nel corpo, maggiore è il rischio di infezione. "Nei luoghi di lavoro con umidificazione dell'aria, i disturbi correlati all'aria secca si riducono di un terzo o fino al 35%", afferma un recente studio all'Istituto Fraunhofer per l'ingegneria industriale (Jurecic, Rief).

Particelle più grandi nell'aria

Il vapore acqueo nell'aria collega tutte le superfici della stanza, comprese le particelle nell'aria, attraverso la condensa. Le particelle che galleggiano nell'aria diventano "appiccicose" a causa dell'assorbimento di acqua. Le particelle quindi si attaccano sempre di più alle superfici, diventano più pesanti, si depositano più rapidamente e non possono più essere inalate. L'aria diventa più pulita. In definitiva le particelle più grandi non possono più penetrare così tanto nelle vie aeree e possono essere drenate più velocemente. In generale, si raccomanda un'umidità relativa compresa tra il 40 e il 60%. Uno studio dimostra che per chi soffre di asma l'umidificazione dell'aria contribuisce ad alleviare i sintomi (Strauss).

Edifici moderni

Dato che l'energia termica deve essere conservata, le case sono costruite con un isolamento termico sempre maggiore e sono ventilate meccanicamente. Inoltre, negli ultimi anni la temperatura di comfort è costantemente aumentata. Con una temperatura dell'aria superiore di 4-6 °C, l'umidità relativa scende del 10-15%. Anche nelle situazioni residenziali, ora che le famiglie utilizzano pasti pronti, forni a microonde e asciugatrici invece degli stendipanni, l'umidità prodotta è in diminuzione. Di conseguenza d'inverno l'aria si asciuga considerevolmente. I moderni sistemi di ventilazione utilizzano quindi umidificatori a diffusione per un'efficiente umidificazione dell'aria.

Fonti:

Sale: “Einfluss der relativen Luftfeuchte in Klassen- und Wohnräumen auf die Erkältungshäufigkeit von Kindern” [L'influenza dell'umidità relativa dell'aria nelle aule scolastiche e nelle aree residenziali sui raffreddori nei minori], 1972

Green: “Einfluss der relativen Luftfeuchte auf die Erkrankungshäufigkeit von Schülern” [L'influenza dell'umidità relativa dell'aria sulla frequenza delle malattie tra gli scolari], 1985

Strauss et al: “Einfluss der relativen Luftfeuchte auf den Erkrankungsgrad bei Asthmatikern” [L'influenza dell'umidità relativa dell'aria sul grado di infermità degli asmatici], 1978

Jurecic, Rief — Fraunhofer Institut Arbeitswirtschaft und Organisation IAO [Istituto Fraunhofer per l'Ingegneria industriale]: “Luftfeuchtigkeit am Büroarbeitsplatz” [L'umidità dell'aria negli uffici], 2014

Contattaci

Argomenti rilevanti: